Articoli con tag CreSud

Quante persone ricevono credito grazie a CreSud?

logo-qmCreSud non presta direttamente ai microimprenditori. Fornisce invece risorse finanziarie, tra i 100 e i 500.000 dollari, a alcune MFI – Microfinance Institutions: per dirla in breve, le “microbanche” specializzate in microcredito.

Microbanche grandi e piccole, con attivi da 1 milione a centinaia di milioni di dollari. Con la provvista ricevuta da CreSud raggiungono i microimprenditori. Ma come calcolare dunque numericamente i risultati dei nostri prestiti?

Ogni MFI elabora un indicatore: l’ammontare medio dei suoi prestiti. È un cifra che varia tra i 200 e i quasi 1000 dollari, diversa per ogni MFI, che cambia anche se leggermente con il passare del tempo.

Noi prendiamo l’ammontare del nostro prestito residuo alla MFI a una certa data, e lo dividiamo per quella media. Sommiamo i risultati di tutte le MFI nostre clienti e otteniamo il nostro numerino magico.

Il 30 giugno 2017 (data degli ultimi rapporti trimestrali dei nostri clienti) CreSud serviva 8.582 microimprenditori.

I numeri di Foromic 2016

CreSud ha recentemente partecipato a Foromic, in Jamaica, grande evento internazionale dedicato al microcredito.

Alcuni dati, pubblicati con una bella infografica sul loro sito, dimostrano un certo fermento nel settore. I 1217 partecipanti tra istituzioni di microfinanza, organizzazioni internazionali, enti governativi, associazioni di categoria e via dicendo, si sono potuti incontrare confrontare in numerose occasioni formali e informali lungo i tre giorni di eventi.

Sempre sul sito è anche possibile rivedere i video dei principali panel, nonché numerose foto.

SPDB: Isole Solomon, Samoa, Fiji, Tonga

In questo momento 6340 microimprenditori nelle isole del Pacifico sudoccidentale beneficiano di un piccolo prestito (microcredito) grazie alle risoprse finanziarie messe a disposizione da CreSud. Per la maggior parte donne, coltivano la terra, gestiscono piccole attività commerciali e laboratori artigianali.

CreSud ha stretto di recente un accordo quadro per un totale di 2 milioni e 270.000 dollari con South Pacific Business Development Foundation. SPBD è uno dei nostri più vecchi clienti/partner. Opera in quattro nazioni isolane del Pacifico (Solomon, Samoa, Tonga, Fiji), erogando microcrediti – alla date del 30 settembre scorso – a più di 23.000 persone.

Tutto cominciò nel 2000, quando Greg Casagrande, manager americano con la passione per il microcredito, dopo sei mesi di training presso la Grameen Bank del premio Nobel Muhammad Yunnus, decise di aprire operazioni a Samoa, fino ad allora non raggiunta da servizi di microfinanza.

Applicò pari pari la metodologia Grameen Bank. Si riuniscono i clienti in gruppi di sei-otto persone, e si inizia a erogare un prestito di circa cento dollari a rotazione. Il gruppo nel suo complesso si fa garante della restituzione da parte dei due microimprenditori che ricevono il prestito. La rotazione dell’intero gruppo copre tra i sei e i dieci mesi. Se tutto va liscio e le somme sono state restituite si passa a giri successivi di 200, 400, 800 dollari. A questo punto le attività dei clienti sono state rafforzate e stabilizzate, e se necessario si passa a erogare prestiti di più alta entità, individualmente, a seconda della necessità.

Questo è il loro sito, molto ben fatto, e racconta molto. Ci sono anche interviste a microimprenditori che rendono bene l’idea delle attività svolte.

Dopo Samoa (dove in quindici anni SPBD ha raggiunto il 40% delle famiglie!) Casagrande si rivolse alla piccolissima Tonga e poi a due paesi più grossi: Fiji, che a dispetto della sua vocazione turistica resta un paese con ampie sacche di povertà rurale, e Solomon Islands dove il reddito procapite non supera i 2000 dollari l’anno.

CreSud partecipa all’attività di SPBD dal 2005, quando erogammo un primo prestto di 50.000 dollari. Con 11 erogazioni successive divise tra le quattro MFI locali, abbiamo raggiunto un totale erogato di 4.110.000 dollari, in massima parte già restituiti. Nel corso del 2016 abbiamo perfezionato l’accordo che ci vede oggi creditori di 2 milioni e 270.000 dollari, che verranno come sempre restituiti in rate semestrali fino all’esaurimento nel 2020.

CreSud e Espoir

Il 16 aprile 2016 un terremoto di magnitudo 7.8 colpisce l’Ecuador, con epicentro nella provincia di Manabi, causando la morte di oltre 650 persone.

La Provincia di Manabi è il cuore delle attività di Fundacion Espoir (50%dei clienti, 30% del personale), organizzazione di microfinanza con cui collaboriamo ormai da oltre dieci anni, avendo erogato il primo prestito nel 2004, e l’ultimo, per 300.000 dollari, nel marzo 2016 solo un mese prima del terremoto.

Già dalle prime ore la situazione appariva grave: fortunatamente non si registravano perdite di vita umane tra i clienti ed il personale di Espoir, ma i danni materiali erano enormi. Ci si preoccupava per la sopravvivenza stessa di Espoir.

Da subito il personale e la dirigenza di Espoir mostrarono una capacità di reazione di grande livello. Furono immediatamente contattati i clienti, per verificare la loro situazione e portare, se possibile aiuti e beni di prima necessità. Allo stesso tempo, i finanziatori internazionali di Espoir tra cui CreSud costituirono una unità di crisi con l’obbiettivo di sostenere Espoir e i suoi clienti nei loro sforzi per riprendere le attività.

Nelle prime settimane dopo il terremoto fu steso un progetto di emergenza per aiutare Espoir a gestire correttamente questo disastro. I creditori si accordarono per una moratoria di 12 mesi sul rimborso delle rate di capitale di ogni finanziamento vigente (oltre 25 milioni di USD in totale).

Dopo circa sei mesi, i risultati già si vedono: Espoir ed i suoi clienti, nonostante i danni, hanno assorbito il colpo ed hanno iniziato il cammino per tornare alla situazione pre-terremoto. Dopo un peggioramento degli indicatori nelle primissime settimane successive al sisma (diminuzione del numero dei clienti, aumento del rischio di portafoglio) l’andamento è andato migliorando e a fine settembre Espoir ha ritrovato i suoi ottimi livelli di prestazione, ricostituendo il tessuto di relazioni creditizie con la maggior parte della clientela. Non avevamo dubbi, non per niente nel 2011 e 2012 Espoir fu al secondo posto nella classifica delle migliori 100 MFI del continente stilata dal Fondo Multilaterale di Investimento (FOMIN) del Banco Interamericano di Sviluppo (IaDB) e da MixMarket.

Fondamentale è stata la resilienza dei microimprenditori, per i quali (anzi, le quali poiché si tratta all’80% di donne) è imperativo mantenere aperta la propria attività economica informale e, di conseguenza, l’accesso al sistema microcredito. L’ottima collaborazione tra i finanziatori e tra questi e Espoir, ha creato le condizioni per un clima favorevole a per il grande impegno sul campo della dirigenza e del personale di Espoir stessa, sempre molto trasparenti nelle loro comunicazioni e decisioni.

Espoir ha saputo trasformare il terribile terremoto del 2016 in una grande occasione di crescita e di ulteriore maturazione, se possibile. L’esperienza dimostra come il sistema microcredito si dimostri fondamentale non solo come motore di sviluppo, ma anche nell’approccio alle emergenze e alle situazioni di crisi.

A partire dal 2004, abbiamo erogato ben sette finanziamenti a favore di Fundacion Espoir per un totale di 2.220.000USD. Il credito medio ai clienti di Espoir è di circa 830 usd – in totale circa 2.400 clienti sono stati serviti dal nostro sostegno finanziario.

Un nuovo partner per CreSud

A fine agosto 2016 abbiamo effettuato la missione di valutazione di Pro Mujer Peru, al termine della quale abbiamo deliberato e poi erogato un primo prestito di 300.000USD a questa filiale di Pro Mujer International, noto e apprezzato network di microfinanza nel continente latinoamericano.

Pro Mujer nasce sulla traccia di un lungo lavoro condotto in Bolivia negli anni ’80 da Lynne Patterson e Carmen Velasco. Dopo avere messo in funzione programmi educativi di empowerment e in campo sanitario, si resero conto della necessità e dell’utilità di operare sul versante del credito alla microimpresa.

Fondarono allora la ONG Pro Women, che divenne nel luglio 2005 Pro Mujer Inc., cominciando a offrire servizi di microcredito.

Pro Mujer Inc. è oggi una grande organizzazione internazionale di microfinanza la cui missione è fornire alle donne povere in America Latina il capitale necessario a rafforzare o costituire ex novo le proprie attività economiche, così da creare mezzi di sostentamento per le proprie famiglie. Pro Mujer fornisce prestiti di piccola entità e formazione allo sviluppo di impresa, senza tralasciare l’assistenza sanitaria.

L’organizzazione opera in cinque Paesi: Bolivia, Nicaragua, Peru, Messico ed Argentina. CreSud ha già lavorato con PM Argentina e PM Nicaragua erogando due prestiti rispettivamente di 200.000usd e 500.000usd. Le operazioni sono da tempo concluse con il rimborso totale delle cifre erogate, e ora iniziamo a lavorare con Pro Mujer Perù.

Quella peruviana è la più grossa tra le filiali di Pro Mujer Inc., che a livello continentale vantava alla fine del 2015 un portafoglio crediti totale di oltre 135 milioni di dollari, con 250.000 clienti ed oltre 2.000 unità di personale.

Le operazioni di Pro Mujer in Perù sono iniziate nel 1999 a Puno, al confine con la Bolivia, sul lago Titicaca.

Si sono poi diffuse in gran parte del paese. I clienti serviti oggi sono circa 35,000. Il portafoglio complessivo sfiora 25 milioni di dollari. PMP conta 300 dipendenti. Si è sviluppata utilizzando la metodologia dei banchi comunali in cui i clienti creano delle associazioni informali di 10-20 persone, in genere conoscenti dello stesso quartiere, che decidono se e quanto microcredito accordare a ciascun membro; ogni banco comunale riceve così un finanziamento dalla MFI e lo gestisce al suo interno. La garanzia dei membri del banco comunale è solidale, e gli altri membri si impegnano a ripianare eventuali ritardi e mancanze nei pagamenti delle rate.

Nel corso degli ultimi quattro anni Pro Mujer Peru ha attraversato un percorso di ridefinizione delle proprie attività. Alla metodologia del banco comunale si è aggiunta quella del credito individuale. Parte della clientela comincia a utilizzare un sofisticato sistema di pagamenti tramite cellulare che velocizza le operazioni e consente maggiore efficienza e risparmi di spesa all’organizzazione.

Il prestito medio di Pro Mujer Peru è di circa 500 dollari. Calcoliamo dunque che le risorse da noi messe a disposizione consentano di raggiungere con microcrediti 600 persone.

Il nostro obiettivo è far sì che queste prime operazioni di prestito sulle tre filiali di Pro Mujer aprano la strada a un accordo quadro con l’organizzazione a livello continentale.

Storie: Sofia Lauaki, Tonga (SPBD)

Dopo la storia di Ilisalote Na’a, proponiamo qui di seguito un altro contributo proveniente da Tonga del nostro partner South Pacific Business Development (SPBD).

Con la testa china e in lacrime, Sofia Lauaki spiegava: “Ricordo ancora la prima che ho cucito le mie prime tre puletahas (un tradizionale indumento tongano composto di due parti). Mi ci è voluto un mese per venderle”. Sophia le vendette poi a un buon prezzo, ma non era ancora abbastanza per i bisogni della sua famiglia. A causa della pressione finanziaria Sophia trovò la motivazione per incrementare i suoi affari, e nel 2006 ha comprato un banco al mercato locale per vendere i suoi prodotti.

A causa dell’aumento dei potenziali clienti al mercato, Sophia voleva migliorare i suoi lavori e la sua produttività. Ha aderito al programma di SPBD nel 2009 e ha utilizzato il suo primo prestito per acquistare materiali per incrementare la sua produzione. Dato che la attività di sarta andava bene, ha usato i successivi prestiti di SPBD per aggiungere altri prodotti fatti a mano come tappezzerie, orecchini, segnalibri e altri tipi di decorazioni.

I suoi nuovi prodotti la soddisfano molto, e volendo condividere i suoi risultati ha quindi insegnato ai suoi due figli come dipingere le tappezzerie e i segnalibri. “Voglio che anche i miei figli imparino quello che so fare. Dopo che vendo le mie cose, il ricavato va direttamente nei loro conti”.

Attraverso SPBD, Sophia non ha solo avuto accesso ai prestiti finanziari, ma ha anche imparato come sviluppare la sua attività attraverso il Programma di Educazione Finanziaria di SPBD. Il Programma le ha fornito un libretto finanziario, attraverso il quale poter controllare tutte le sue transazioni finanziarie. Questo libretto si è rivelato molto utile per lei: “Quando devo preparare la dichiarazione dei redditi, è utile perché posso usare le informazioni che ho registrato”.

Il programma di SPBD ha incoraggiato l’entusiasmo di Sofia e il suo know-how, e lei ha dimostrato di essere un’imprenditrice molto determinata.

Storie: Ilisalote Na’a, Tonga (SPBD)

Riceviamo dal nostro partner South Pacific Business Development (SPBD), che opera a Samoa, Fiji, Isole Salomone, Singapore e Samoa e Tonga, una storia proveniente proprio da quest’ultimo paese e che proponiamo tradotta in italiano.

Ilisalote Na’a ha 25 anni e attraverso i prestiti di SPBD ha imparato molto sul risparmio e sulla vita. Prima di scoprire SPBD, Ilisalote e la sua famiglia potevano contare solo sulle entrate del marito, che lavora coltivando tapioca, kumara e patate dolci. Nonostante questo le entrate non erano sufficienti, e per questo erano costretti a vivere nella casa dei genitori del marito. Dato che voleva aiutare la sua famiglia, Ilisalote ha richiesto un prestito a SPBD per iniziare la sua prima attività come coltivatrice di arachidi.

Ilisalote e suo marito hanno gestito insieme la loro piccola impresa ricevendo anche un aiuto dai membri della loro famiglia. Nonostante questo, hanno avuto bisogno di ulteriore manodopera per arare i campi e raccogliere i prodotti. Usando i fondi del prestito, Ilisaote ha potuto assumere manodopera per i campi, aumentando la produttività dei campi di tre volte.

Una volta che le noccioline sono raccolte, Ilisaote può immagazinarle e poi tostarle settimanalmente, per poi venderle al mercato e da casa propria. Ora che possiede un introito regolare, può prevedere un budget per gestire meglio le spese ordinarie. La possibilità di gestire il proprio denaro le dà inoltre maggiore indipendenza. “È una grande differenza. Ora abbiamo soldi per pagare i dipendenti e un reddito maggiore”.

Mentre frequentava il programma di Educazione finanziaria di SPBD, a Ilisalote è stato mostrato come tenere una rendicontazione del flusso di cassa. Prima di allora non aveva mai tenuto traccia dei suoi guadagni e delle sue spese. Ilisalote ha spiegato che il corso è stato molto utile, “perché è importante sapere ogni settimana quanto denaro entra e quanto esce”.

Ilisalote utilizza il suo libretto finanziario per tenere traccia dei suoi profitti e regolare la sua produzione di conseguenza. Ha sviluppato diverse abilità finanziarie, come “se una settimana non realizzo nessun guadagno, devo aumentare le noccioline. Per esempio, se ho 20 sacchi al giorno devo arrivare a 50 sacchi al giorno e trovare nuovi posti per venderle (al mercato, all’emporio o nelle case).

Attraverso i prestiti di SPBD, Ilisalote riesce a integrare il reddito del marito e a offrire una vita migliore alla sua famiglia. Ilisalote spiega che suo marito è contento del successo della sua attività: “Riesce a mettere da parte dei soldi per comprare del terreno e costruire una casa”.

Andrea Berrini parla di CreSud su Prima comunicazione

La rivista Prima comunicazione ha intervistato Andrea Berrini, socio fondatore e presidente di CreSud. Si è parlato della nascita della nostra società, di alcuni storici prestici come quello alla cooperativa Manduvirà in Paraguay, e delle sue principali attività attuali, che al momento vantano 130 linee di credito e un portafoglio crediti di 4 milioni di euro.

Nella seconda parte dell’intervista ci si è soffermati sulle attività editoriali di Andrea Berrini, che fanno capo alla casa editrice Metropoli d’Asia.

Chi ci sta?

Chi ha voglia di seguirci, in questa avventura?

CreSud è una Società per Azioni, aperta alla partecipazione dei suoi vecchi soci e di nuovi soci che vogliano aderire. Persone, associazioni, società a cui interessa il lavoro che facciamo, e che abbiano voglia di collaborare in termini economici ma non solo.

Ha cominciato a seguirci Banca Etica, con un fido e un mutuo di piccola entità. Speriamo che la collaborazione si allarghi. Ci affiancano, sopratutto, un centinaio tra persone e associazioni che sottoscrivono i nostri certificati obbligazionari.

In diciotto anni di attività abbiamo accumulato un patrimonio di esperienza che varrebbe la pena utilizzare per costruire qualcosa di più grande. Navigate nel nostro sito, date un’occhio a quel che siamo e facciamo. In Italia siamo quasi gli unici a lavorare in questo modo con il Sud del mondo. Abbiamo voglia di crescere, di trovare nuovi compagni di strada.

Andrea Berrini

E in Italia?

Oggi però anche in italia siamo a corto di risorse, Le banche prestano con fatica. Imprenditori, professionisti, artigiani non trovano accesso al credito. Purtroppo le metodologie inventate per i paesi del Sud del mondo qui non funzionano. E infatti di microcredito, in Italia, se ne fa poco: ha solo valore di testimonianza, come dice qualcuno.

Che fare, allora? Sarebbe bello poter inventare degli strumenti, dei tavoli, che sappiano mettere in contatto capitali e lavoro. Immagino più qualcosa di simile a una merchant bank, o a gruppi di investitori capaci di spendere brandelli del proprio tempo per analizzare, discutere, e magari finanziare progetti sostenibili, efficaci, capaci di creare o moltiplicare posti di lavoro e ricchezze.

Andrea Berrini

Parte 1: Ma cosa facciamo, esattamente? | Parte 2: Diritti negati e restituiti

Prossimi eventi

  1. European Microfinance Day

    ottobre 20
  2. OuiShare Fest Barcelona

    novembre 15 - novembre 17

Archivio

Newsletter